Street Food Design: premiati i vincitori!

LA MIGLIORE RICETTA FRIULANA DAL GRUPPO MULTIETNICO DEL CIVIFORM

Bilancio più che positivo per la terza edizione del Progetto MANI

Sono 4 i progetti vincitori del concorso “Street Food Design – Fai strada alle tue idee” – promosso da Fondazione Crup e Confartigianato-Imprese Udine nell’ambito delle attività del progetto MANI – che ha coinvolto 193 studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Udine e Pordenone i quali hanno elaborato complessivamente 64 progetti. Tra questi 7 ricette e 4 accessori, sviluppati in collaborazione con alcuni artigiani esperti, sono passati alla finale.

DSC_8348

Le premiazioni si sono svolte oggi al Cinema Visionario di Udine alla presenza dei presidenti della Fondazione CRUP Lionello D’Agostini e di Confartigianato-Imprese Udine Graziano Tilatti che hanno ringraziato studenti e insegnanti per aver aderito numerosi al progetto ed hanno sottolineato l’importanza dell’autoimprenditorialità per i giovani sia come occasione per mettersi in gioco che per creare nuovi posti di lavoro e dare un proprio contributo allo sviluppo economico e sociale del territorio. Insieme a loro c’erano gli assessori del Comune di Udine Alessandro Venanzi e Gabriele Giacomini. A premiare i vincitori anche i presidenti provinciali dei Movimenti Giovani Imprenditori di Udine Francesco Roiatti e di Pordenone Imo Bertolla, oltre al Segretario di Confartigianato Imprese Pordenone, Alessio Belgardo.

“Il compito dei giovani studenti – ha spiegato il segretario di Confartigianato-Imprese Udine, Gian Luca Gortani – era quello di ideare nuove proposte legate al format dello street food, sviluppando un piatto con prodotti agroalimentari locali o progettando un accessorio per il suo consumo. Il bando prevedeva infatti la possibilità di presentare un progetto in due categorie: “Crea il tuo Street Food” e “Accessori Street Food” con l’assegnazione di due premi in denaro per ciascuna categoria”.

A salire sul podio con le due migliori ricette sono stati il gruppo del Civiform di Cividale con i “Cjalsons sulla Naridule” (1° classificato nella categoria Street – Eat) e lo Stringher di Udine con le “Doratine” (2° classificato).

È proprio la rivisitazione di un piatto tipico della cucina friulana, più precisamente carnica, come i Cjarsons che ha convinto di più la Commissione di valutazione. I “Cjarsons” tradizionalmente lessati e conditi con l’ont vengono invece proposti fritti per assecondare i canoni dello street food (semplicità e velocità di preparazione). La ricetta è stata realizzata dal gruppo della classe 3^ composto da Mateo Grando, Cristian Li, Houda Ouahid, Senaijd Terzic, Sara Boudissa e coordinato dallo chef-tutor Amorino Michelutti.

“Siamo cinque ragazzi con origini molto diverse, sembriamo quasi l’incipit di una barzelletta: un cinese, un colombiano, una marocchina, un bosniaco e una algerino-polacca” hanno esordito nella presentazione della loro ricetta tenutasi l’11 maggio scorso allo Stringher di Udine.DSC_8340

Ad aggiudicarsi il secondo posto è stato invece il gruppo della classe 4^ C dello Stringher di Udine (composto da Marco Signorini Germini, Elisa Gariuolo, Valentina Pascutti, Matteo Famea, Vanessa Gori coordinato dal prof. Floriano Urso) con le “Doratine”, sfiziose polpette preparate con le patate di Godia, ripiene di salame e Montasio ed accompagnate da una salsa ai funghi.

DSC_8322

Per la categoria “Accessori” trionfa il gruppo della classe 3^D dell’ISA Galvani di Cordenons (composto da Marco Muzzin e Lorenzo Spessotto, coordinato dal prof. Fabio Cozzi) con il piatto da street food “Piego”, un supporto funzionale per la degustazione dei cibi solidi.

DSC_8331

Medaglia d’argento per lo “Scus da passeggio” progettato dal gruppo della classe terza del Cefap di Codroipo, composto da Gianluca Paron, Cili Shkelzen, Lucas Biazatti, Sara Feriin coordinati dallo chef-tutor Giorgio Mazzolari. L’accessorio, realizzato con la brattea di mais, si presenta come una soluzione di packaging ecosostenibile e a basso costo per contenere il cibo.

DSC_8317

I vincitori si sono aggiudicati rispettivamente un premio di 400 euro (per i primi classificati di entrambe le categorie), e un premio di 200 euro (per i secondi classificati di entrambe le categorie). L’istituto di appartenenza di ciascuno dei vincitori ha ricevuto, inoltre, un premio in attrezzature e supporti didattici del valore di 300 euro.

 

 

Lascia una risposta